• “MASILE’” ERBALUCE DI CALUSO SPUMANTE DOCG – LA MASERA
  • “GRANDE CUVÉE BRUT” – VALDOBBIADENE DOP – GIRARDI
  • “IL GHIZZANO BIANCO” – COSTA TOSCANA IGT – TENUTA DI GHIZZANO
  • “ARMONIOSO” – GRILLO TERRE SICILIANE IGT – MARINO VINI
  • “VERNACCIA DI SAN GIMIGNANO” DOCG RISERVA – FONTALEONI
  • “KERNER” ALTO ADIGE DOC – CANTINA VALLE ISARCO
  • “PAPALE ” PRIMITIVO DI MANDURIA DOC – VARVAGLIONE VIGNE E VINI
  • “ANNIVERSARIO 62” PRIMITIVO DI MANDURIA DOP – SAN MARZANO
  • “JANÙ” MONTEPULCIANO D’ABRUZZO DOC – JASCI & MARCHESANI
  • “VILLERO” BAROLO DOCG – BOROLI
  • “SARMASSA” BAROLO DOCG – MARCHESI DI BAROLO

La formula del suo successo è fatta da passione, umiltà e senso di appartenenza al suo territorio. Eppure, il vignaiolo che più ha saputo rilanciare l’immagine del vino, pugliese, e del Primitivo,  nel mondo, ha recentemente deciso di rinunciare alla DOC Primitivo di Manduria. Ma forse questo è soltanto un arrivederci…

Gianfranco Fino (produttore del famoso ES), un curriculum di tutto rispetto. Inizia la sua carriera di Vignaiolo nel 2004 acquistando poco più di un ettaro coltivato a primitivo con la tecnica ad alberello. Si applica con passione e con una fortissima denotazione territoriale.
Nel 2010 ottiene il premio “viticoltore dell’anno” del Gambero Rosso, assegnato per la prima volta ad una azienda del centro sud.
Il suo Primitivo ES macina premi su premi da anni ed è conosciuto il tutto il mondo.

le mie degustazioniI nostri spassionati consigli, tutte degustazioni vere, senza voti, calici, grappoli, acini o chissà cosa.
Solo la descrizione del vino e il perchè a noi è piaciuto.

 

 

 

 

Numero 1 Febbraio 2017, Vini Stappati.

  • “ABISSI RISERVA” SPUMANTE METODO CLASSICO PAS DOSÉ – BISSON
  • “FRANCIACORTA PAS DOSE’ – RISERVA” – BELON DU BELON
  • “KIUS ROSÉ“ SPUMANTE EXTRA BRUT MET. CLASSICO – M. CARPINETI
  • “SYRAH ROSATO SPUMANTE BRUT” IGP LAZIO – ÔMINA ROMANA
  • “CARDITO” MALVASIA PUNTINATA LAZIO IGP – DONATO GIANGIROLAMI
  • “COLLI DI LUNI – NUMERO CHIUSO” VERMENTINO DOC- LUNAE BOSONI
  • “GRAMINÉ” PINOT GRIGIO VIGNETI DELLE DOLOMITI IGT – LONGARIVA
  • “TITOLO” AGLIANICO DEL VULTURE DOC – ELENA FUCCI
  • “ARNIONE” BOLGHERI SUPERIORE DOC – CAMPO ALLA SUGHERA
  • “28 QUINTALI” MONTEPULCIANO D’ABRUZZO RISERVA DOP – LAMPATO
  • “ES” PRIMITIVO DI MANDURIA DOC – GIANFRANCO FINO
  • “ISOLA DEI NURAGHI” ROSSO IGT – CARPANTE
  • “PIGNOLO” – COLLI ORIENTALI DEL FRIULI DOC – COLUTTA GIAMPAOLO
  • “BOLLA DI URBANO – RISERVA” CESANESE DEL PIGLIO DOCG – PILEUM
  • “VIN SANTO DEL CHIANTI DOC” – POGGIO TERRALBA

vespa vignaioliVespa Vignaioli per passione è il nome con cui l’azienda Futura 14 si è presentata al mercato italiano e internazionale dal 2014 . Bruno Vespa è un giornalista televisivo appassionato del mondo del vino da quando fin dagli anni 70 il grande Luigi Veronelli gli insegnò ad amare gli uomini e le donne che ne fanno parte. Da decenni Vespa ne racconta la storia nei suoi articoli e un giorno ha deciso di farsi egli stesso viticultore associando all’impresa i figli Alessandro e Federico. La famiglia Vespa è proprietaria della splendida Masseria Li Reni sita in Manduria, in Puglia, e possiede terreni per oltre 25 ettari di cui una larga parte già vitati e di una parte in fase di primo impianto.
Produce attualmente sei vini. Lo spumante rosato “Noitre” da uve Negramaro, il Primitivo di Manduria riserva “Raccontami”, che ha già avuto importanti riconoscimenti, il Primitivo Salento “il Rosso dei Vespa”, il Rosso Puglia “il Bruno di Vespa”, interprete della visione più fresca e dalla mggior bevibilità, il Fiano Salento “Il Bianco dei Vespa”, un bianco dai profumi intensi e dalla grande freschezza e mineralità di palato e l’ultimo nato, un Rosato da Negramaro ed Aleatico di grande caratteristica organolettica, “Flarò, Il Rosato dei Vespa”, il cui nome rende omaggio all’impresa delle due grandi atlete pugliesi, Flavia Pennetta e Roberta Vinci, che hanno centrato la storica finale degli UP OPEN nel 2015. Al centro della filosofia di Vespa Vignaioli per Passione vi è la produzione di vini di grandi qualità, vini che si fanno interpreti di un territorio e della grande potenza che la Puglia rappresenta nei suoi vini, portando una ventata di freschezza e di novità, offrendo sempre vini di grande equilibrio e gradevolezza nel calice degli appassionati di tutto il mondo.